Sei qui:
Home > Primo piano > Bologna: un bed and breakfast d’Artista

Bologna: un bed and breakfast d’Artista

A Bologna nella città sempre più esplosiva, creativa, piena di cose da vedere, conoscere e scoprire, abbiamo visitato la “Casetta dell’Artista” di Giulia Sollai e Francesco Usenato, un luogo magico in cui lo spazio diventa galleria d’arte, set fotografico, workshop, house concert e altro, e per ritornare il giorno dopo, ad essere di nuovo bed and breakfast. Tutto questo è stato realizzato da Giulia di origine sarda insieme a Francesco, di origine siciliana, lei artista e creativa si è diplomata all’Accademia delle Arti in pittura e illustrazione, lui falegname hanno unito le loro passioni e nel 2014 hanno aperto al pubblico questo luogo per poter esprimere la loro creatività.  Questo appartamento per ospiti e nel contempo anche lo studio di Giulia, dove crea le sue opere d’arte, sperimenta nuove tecniche ed esprime la sua la sua creatività. Francesco, di origine siciliana, falegname con un suo laboratorio a Bologna, si è associato a Giulia per aprire questo locale, una questo grande casa al terzo piano di un stabile signorile nel centro della città, senza più un’anima, molto decadente, trasformandola in uno spazio pieno di energia. Di giorno facevano altro, Lei studiava all’Accademia per laurearsi, Lui lavorava e alla sera insieme lavoravano per sistemare l’appartamento per circa 5 mesi tutte le sere. Nel tempo libero andavano in giro nei mercatini delle pulci, capannoni, negozi dell’usato dove spesso acquistavano oggetti, per inserire nell’arredamento della casa. Per l’arredamento sono stati utilizzati materiali di recupero, dando vita ad uno spazio, pieno di armonia ed ogni oggetto è inserito nell’ambiente, al posto giusto, formando un unica anima, come nella stanza riservata agli ospiti  che arrivano da tutte le parti d’Italia e dall’estero e rimangano meravigliati dall’utilizzo dello spazio e dagli oggetti d’arredo come la porta ristrutturata utilizzata come testata del letto. La vena artistica di Giulia, viene dalle sue origini familiari, suo nonno era pittore, il padre era un artigiano del sughero, l’altro nonno era un incisore del legno e lo zio un falegname. Tutte le attività culturali non sono a scopo di lucro e l’unico scopo è quello di arricchirsi tramite le esperienze e la conoscenza di altri artisti. Questo luogo è un contenitore o raccoglitore delle idee della titolare che le mette a disposizione di altri artisti, che sono per la maggioranza gli ospiti della casa. La camera per uso singolo costa dai 40 ai 70 euro, la doppia dai 70 ai 110 euro, in base al periodo. Nel prezzo è compreso la colazione con torte fatte in casa, yogurt, frutta e tante altre cose golose e alcune di queste sono biologiche. Come dice Giulia a noi piace coccolare gli ospiti. Per l’85 per cento le persone che prenotano sono artisti e di questi il 65 per cento sono stranieri e il 35 italiani. Tutto questo porta alla “Casetta dell’Artista” un arricchimento artistico. Il progetto ha avuto un discreto successo, basti pensare che appena è stato pubblicato la pagina su facebook, siamo stati immediatamente sommersi di domande che chiedevano che cos’era. L’inaugurazione della “Casetta dell’Artista” è stata fatta durante la fiera del libro per ragazzi, e come primo artista hanno avuto un’illustratore Simone Rea. Ogni mese nella zona dedicata all’Art Gallery, viene realizzata un mostra. Per prenotare la stanza bisogna farlo tramite “Aibnb”.

Per maggiori informazioni e tenersi informato sugli eventi: www.facebook.com/lacasettadellartista/ o www.lacasettadellartista.com

Maurizio Ranucci
direttore responsabile
Top