Sei qui:
Home > A tavola > Ferrara: A casa dello Chef

Ferrara: A casa dello Chef

Un locale con una cucina a base di pesce e frutti di mare crudi e cotti, ispirata ai sapori della tradizionale cucina mediterranea.

Tra i giardini dei nei vari palazzi storici nel bellissimo centro storico di Ferrara, si trova un meraviglioso ristorante che si chiama “Lemoko'” di Guido Mascellani e Simona Celati. Il nome  del locale “Lemoko” deriva dal palazzo in cui sorge che nel ‘600 era denominato limonaia, in quanto veniva usato per riporre i limoni nel periodo invernale. Il ristorante si trova nella corte di Palazzo Spinasi.

I titolari: lo chef Guido Mascellani e Simona Cellati

Realizza una cucina di pesce e frutti di mare, dai sapori semplici, rispettando i sapori degli ingredienti e valorizzando le loro caratteristiche. Ogni giorno i piatti presenti nel menù vengono cambiati, in base a quello che offre al mattino il mercato del pesce ed il mercato dei contadini per quanto riguarda le verdure, la frutta e altro. La cucina potremo definirla caratteriale, che è caratterizzata da cotture a bassa temperatura volte a salvaguardare la genuinità e leggerezza dei piatti.  Il locale si presenta elegante, semplice e accogliente ed alle parate sono  appesi quadri che abbelliscono tutto l’ambiente. I posti presenti sono circa una ventina, in estate possono arrivare ad una 30 per la presenza del giardino (è consigliabile prenotare). Lo chef Guido, è un autodidatta, ha iniziato per divertimento poi è diventato un lavoro. Prima di aprire il ristorante ha fatto un percorso, durato circa 8 anni per capire se aveva le capacità di gestire un locale. Quando faceva l’agente immobiliare, gli piaceva mangiare, poi un giorno gli regalarono un libro di ricette “Fish and Fish” ed ha iniziato a provare a fare alcune ricette. Da quel momento non ha più smesso di cucinare, prima ha fatto lo chef a domicilio lavorando tra Ferrara, Bologna e Padova ed ha avuto un ottimo successo, poi un giorno un amico gli fa vedere la limonaia e da qui nasce l’idea di realizzare un ristorante con l’impostazione “chef a domicilio”. Il locale potrebbe essere una qualsiasi cucina di casa, per la sua essenzialità nella struttura della sala cottura essendo tutta a vista ed è formata da due fuochi, una cappa, un frigorifero e i prodotti utilizzati sono tutti freschi e di giornata e si può seguire tutte le fasi di lavorazione, anche per il lavaggio stoviglie assomiglia ad una vera “cucina di casa”. Il ristorante “Lemokò” è stato aperto nell’aprile 2013. I piatti sono realizzati con cotture a bassa temperatura o a vapore per fornire una creazione poco elaborata, nutriente e digeribile. La proposta è ampia e diversificata con piatti a base di pesce, cotto e crudo. Il menù è lo stesso sia a pranzo che a cena.Anche i dolci sono fatti in proprio. La carta dei vini è ampia e interessante con proposte sia italiane che internazionali, è presente anche qualche scelta di birre artigianali. Per una cena si possono spendere tra i 35 e 50 euro il coperto è già compreso nel prezzo. Nella mia visita al ristorante ho mangiato un buon salmone affumicato alle erbe accompagnato con lo squacquerone, era veramente interessante come le seppie con piselli e uova strapazzate, molto delicato.
Poi si possono trovare la caprese di Soaso con mozzarella di bufala e crema di pomodori pachino confit, le lasagne con salmone selvatico, scamorza affumicata,, zucchine e salsa di lamponi e zenzero (uno dei pochi che usa il salmone pescato e non quello allevato); gnocchi al curry con sugo di seppia, gamberi, vongole e pomodorini con deliziosi. E tante altre piatti gustosi. E’ uno di quei posto da provare sia per la cucina e sia per la bellezza del luogo.

Indirizzo:

Lemokò

Via Giorgio Byron, 10

Ferrara

tel. 335.7407628 – 338.4370796

sito: https://www.facebook.com/lemoko/
mail: guido@lemoko.it

Maurizio Ranucci
direttore responsabile
Top