Sei qui:
Home > Eventi > “Il piacere di trovare quel che non si stava cercando”

“Il piacere di trovare quel che non si stava cercando”

BolognaDa giovedì 2 a domenica 5 maggio torna nella città bolognese l’evento “Gusto nudo festival”, una biennale conviviale dedicata al vino, alla terra e alle arti. Uno tre gli eventi più interessanti che si svolgono nel centro storico della città. L’edizione di quest’anno è la dodicesima edizione dal sottotitolo “Il piacere di trovare quel che non si stava cercando”. Nato nel 2007 come fiera del vino naturale, per la seconda volta in versione festival Gusto nudo si articolerà in due location principali: le Serre dei Giardini Margherita e il parco del Dopolavoro ferroviario, che ospiteranno presentazioni, performance musicali e teatrali, workshop tra gusto, sorpresa e ironia. In programma un laboratorio di cucina di insetti, un derby enologico tra Emilia e Romagna e una degustazione alla cieca per mettere alla prova i sensi. Incontri con le aziende vinicole in una selezione di osterie, enoteche e ristoranti della città delle Due Torri. l’ideatore, dell’evento è Matteo Gattoni. 

Il programma

Giovedì 2 maggio, a partire dalle ore 17, le Serre dei Giardini Margherita (via Castiglione 134) accolgono la prima giornata del festival. Si inizia con Perdersi e ritrovarsi. Colloquio tra strade segnate e viandanza, una passeggiata letteraria nell’orto in compagnia degli scrittori Michele Marziani (autore di 7 romanzi, l’ultimo Il suono della solitudine), Angelo Floramo (L’osteria dei passi perduti. Storie zingare di strade e sapori) e Paolo Ciampi (Il sogno delle mappe. Piccole annotazioni sui viaggi).

Emilia VS Romagna è invece il titolo della degustazione lungo la via Emilia, dai Colli piacentini ai confini del Montefeltro, alla scoperta di alcuni dei vignaioli più interessanti della regione. La degustazione sarà condotta dal giornalista ed enogastronomo Sandro Sangiorgi insieme al sommelier Iacopo Gerussi (a pagamento con iscrizione obbligatoria). Chiusura in musica con il coro polifonico a cappella Occhi Chiusi in Mare Aperto che proporrà arrangiamenti originali per voce di brani pop e indie. 

Venerdì 3 è la giornata dedicata ai 7 workshop di Gusto nudo festival (a pagamento e a numero chiuso, con iscrizione obbligatoria). Due sono in collaborazione con la Fondazione Villa Ghigi: il primo, alle ore 14, partirà dall’Orto botanico dell’Università di Bologna (via Irnerio 42) e porterà al parco di Villa Ghigi, dove si imparerà a conoscere, riconoscere, raccogliere e a cucinare le erbe alimurgiche, cioè le erbe spontanee alimentari stagionali; a conclusione, show cooking e aperitivo. Il secondo inizia alle ore 15 alle Serre dei Giardini Margherita: Le radici del vino, un laboratorio di studio della composizione dei suoli e delle stratificazioni in vigna per capire cosa rende unico un vino, che terminerà nella vigna di Villa Ghigi, di cui si gusteranno i vini. 

Alle ore 15, terzo laboratorio da Berberè (via Petroni 9/C), Piccoli animali con un grande potenziale: sono gli insetti, più di duemila specie sono commestibili e Nicole Sartirani di Mikrokosmos Berlin spiegherà le loro qualità organolettiche e come cucinarli.

Piccoli animali con un grande potenziale

Tre le alternative per le ore 17: al Tpo (via Casarini 17/5) Elisabeth Paul e Giulio Acquati dell’azienda agricola Valli Unite sveleranno i segreti della lavorazione delle carni di maiale, dall’anatomia al taglio, dalla mondatura all’insacco: al termine della lezione teorica e pratica, ogni partecipante potrà portare a casa un chilogrammo di salsiccia, cacciatorini da stagionare e lardo speziato. Da Scarto (via della Braina 9) c’è Oltre il vino, un laboratorio per scoprire tutti i modo possibili per trasformare l’uva. È un inno alla biodiversità il laboratorio di arte-terapia Come raggiungere l’imperfezione (via Camillo Oblach 2): di fronte alla standardizzazione in campo agricolo e non solo, bisogna imparare a valorizzare i difetti e le differenze che rendono unici i prodotti della terra e anche le persone. 

Alle 17.30, infine, da Forno Brisa (via San Felice 91) Il pane messo a nudo, in cui si ripercorrerà la storia dei cereali e si darà risposta a tutto quello che un baker non ha mai osato chiedere: ma quanto sono antichi i grani antichi? La pasta madre di chi è figlia? Il glutine è davvero questo famigerato malvagio? La giornata di sabato 4 inizia alle ore 10 con la passeggiata nel centro storico con Fabrizio Lollini (docente all’Università di Bologna di Storia dell’arte medievale, Storia della miniatura e Alimentazione e arti visive), che porterà a conoscere i paesaggi, le coltivazioni e i prodotti della terra presenti nell’arte a Bologna (ritrovo all’Oratorio di Santa Cecilia, via Zamboni 15). 

Alle ore 15, nel parco del Dopolavoro ferroviario (via Serlio 25/2), via alle degustazioni della “Fiera dei vignaioli eretici”: attese più di 50 aziende vinicole e agricole, artigianali e naturali provenienti da tutta Italia, dalla Sicilia al Piemonte. Presenti anche caseifici, salumifici, forni, un produttore di sidro di mele e un’impresa di elicicoltura (lumache). Per partecipare agli assaggi è necessario acquistare all’ingresso un calice da degustazione al prezzo di 20 euro. I banchi saranno aperti sabato 4 fino alle ore 21.30 e domenica 5 dalle ore 11 alle 19.30. Per chi viene in famiglia, in entrambe le giornate al pomeriggio sono aperti i laboratori per bambini a cura di Bradipo (iscrizione gradita inviando una email a noemi.bermani@libero.it).  Il manifesto di Gusto nudo festival è disegnato da Andrea Bruno: “L’incedere maestoso ed elegante di un elefante dello Sri Lanka (in antico persiano Serendip), come raffigurazione di altri possibili ritmi di vita – spiega l’illustratore –. Un invito a lasciarsi sorprendere dall’inaspettato, adottando un passo lento, curioso, conviviale”. Per maggiore informazioni e per vedere il programma intero: www.gustonudo.net  o scarica l’app Comuni-chiamo, registrati, seleziona Bologna e accedi a Gusto nudo festival per essere sempre aggiornato. Gusto nudo festival è organizzato in collaborazione con l’associazione Di rabarbaro in frasca, con i patrocini di Comune e Città metropolitana di Bologna Partner: Baum, Berberè, Checkpoint Charly, Kilowatt, Locomotiv e Senape Vivaio Urbano; Media partner: Munchies e NEU Radio. Sponsor tecnico: Comuni-Chiamo

Top