Sei qui:
Home > Lifestyle > Imola: “Ricerche di Stile”, gli archivi Mazzini

Imola: “Ricerche di Stile”, gli archivi Mazzini

Nella sale della casa museo “Palazzo Tozzoni”, una dimora settecentesca completamente arredata nel centro storico di Imola, sono esposti gli abiti  della collezione che fanno parte degli archivi di Ricerca Mazzini. La mostra dal titolo “Ricerche di Stile”, è un racconto sulle mille declinazioni di cui si è sempre nutrito il mondo della creatività in generale e quello della moda in particolare. Stile, ricerca: sono gli imperativi che descrivano in sintesi, la nuova mostra della “Fondazione Cassa di Risparmi di Imola” in collaborazione con i Musei civici di Imola, che sarà aperta fino al 28 febbraio 2018.  In mostra 150 abiti scelti e selezionati da Carlo Marangoni e Attilio Mazzini degli Archivi di Ricerca Mazzini di Massa Lombarda, imponente raccolta di pezzi rappresentativi degli stili di moda che si sono succeduti negli ultimi ottant’anni  e che raccoglie oltre 400 mila capi. Il percorso mostra si snoda tra le sale di Palazzo Tozzoni, dimora privata oggi casa museo, che costituisce un caso assai raro conservando ancora i propri arredi: l’antica mobilia, le raffinate tapezzerie, il ricco patrimonio di dipinti e sculture, i manufatti di pregio, gli stucchi, le opere di eranisterie, le ceramiche o gli alabastri fino agli elementi minuti di arredo fanno parte di un continuum che testimonia perizia e gusto nell’avvicendarsi degli stili. Miyake, Fortuny, Jil Sander aprono la mostra nel grande ed elegante salone d’onore; i sontuosi abiti d’ispirazione etnica dai forti  accostamenti cromatici di Romeo Gigli dialogano come i damaschi cremisi e le specchiere dorate dell’appartamento barocchetto; gli abiti scultorei e tridimensionali di Maurizio Galante abitano l’austero appartamento impero a fianco di mobili dai forti volumi; i voluminosi e leggeri vestiti da ballo di Dolce Gabbana e Jean Paul Gaultier spiccano nella sala da musica dell’appartamento Impero, mentre i famosi corpetti di questi grandi stilisti ispirati alla biancheria intima sono esposti tra gli oggetti per l’igiene personale appartenuti agli antichi abitanti del palazzo. La luminosa loggia attraverso cui la natura entra nel palazzo ospita la moda floreale tra cui spiccano capi unici come il costume da bagno anni Cinquanta di Schiapparelli; la cucina, fucina di creatività gastronomica, ospita le creazioni di Issey Miyake che utilizza materiali normalmente non associate alla moda; infine i vestiti Stone Island ispirati il profumo del vino. E in tutto il palazzo gli abiti di Valentino, Callaghan, Marni, Cappucci, Galliano, Versace, Prada, Margiela, Bolzoni, Watanabe, delle sorelle Fontana dialogano con gli spazi e ne condividono le suggestioni. Il percorso continua nella sede della “Fondazione Cassa di Risparmio di Imola”.

Dove andare dopo aver visitato la mostra:

Cucinot (Via Orsini 9/a. tel.:0542381357): il locale propone piatti della tradizione reinterpretati con fantasia e passione senza utilizzo di derivati animali. Qui, si possono degustare piatti ecosostenibili e di benessere, da assaporare in un ambiente famigliare piacevolmente retrò realizzato in stile vintage di recupero. Ogni giorno il menù cambia a base degli ingredienti di stagione, locali e preferibilmente biologici. Sito: https://www.facebook.com/Cucinot/

L’Opera Dulcis ( Pasticceria e ristorante, p.zza Matteotti, 8. tel.:054224556): La pasticceria è guidata da Matteo Coralli, formatosi nella scuola francese ed in quella del San Domenico (due stelle michelin). Qui, si possono fare delle colazioni con un ricco assortimento sia dolce che salato tutto fatto rigorosamente in casa. La cucina è semplice cerca di mettere in primo piano le materie prime di qualità e di stagioni che vengono lavorate e accostate con semplicità e fantasia per esaltarne gusto, profumi e colori. Sito: http://www.operadulcis.it/

San Domenico ( VIa Gaspare Sacchi, 1. Tel.: 05422900): due stelle michelin, qui si possono degustare grandi piatti come l’uovo in raviolo con burro di malga e tanti altri. Gli chef sono Valentino Marcatilli e il nipote Max Mascia). Sito:http://www.sandomenico.it

Dormire: B&B Callegherie21 (via Callegherie, 21. Tel.:054226793. Accoglienza d’eccellenza, charme ed eleganza. Il posto si trova nel centro di Imola, ed offre tre suite (Cotto, legno e oltrematria) arredate come fossero delle boutique dell’ospitalità. Potete trovare tutti i confort possibile ed un servizio eccellente. Sito: http://www.callegherie21.it/

 

Indirizzo mostra:
Palazzo Tozzoni

Via Garibaldi, 18

Imola

biglietto: 4 euro

Orario: martedì, mercoledì, giovedì e venerdì: 16-19

              sabato e domenica: 10-13 e 15-19

               

Sito: http://www.mostrefondazioneimola.it

Maurizio Ranucci
direttore responsabile
Top

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/mhd-01/www.gustandomagazine.it/htdocs/wp-content/plugins/accesspress-social-pro/inc/share/frontend/floating_sidebar.php on line 34